LCA La Valutazione Strumentale

Valutazione Strumentale

Per ricevere la conferma  della lesione del LCA necessita una diagnosi strumentale. Tra le metodiche strumentali più utilizzate per verificare l’integrità legamentosa abbiamo:

  • Artrometria
  • Radiologia
  • Imaging (TAC e RMN)
  • Artroscopia Diagnostica

Artrometria

Gli artrometri sono degli strumenti utilizzati per quantificare la traslazione in senso sagittale della tibia rispetto al femore. Il loro funzionamento si basa sulla distanza relativa tra due sensori, di cui quello rotuleo rappresenta il punto di riferimento, da cui viene misurata la traslazione in millimetri del sensore tibiale.

Con il paziente i posizione supina e gli arti inferiori disposti su sostegni che le mantengano in una leggera flessione di circa 30° ed impediscano l’extrarotazione dell’anca, viene fissato l’artrometro alla gamba ed eseguito il test del cassetto anteriore.

Utilizzando la differenza tra arto sano e arto patologico, tramite il test del cassetto anteriore, si considera una differenza di:

  • 1,5 mm come normale

  • 2-2,5 mm come equivoca

  • 3 mm o maggiore come patologica

I vantaggi dell’artrometro rispetto all’esame radiologico sono legati alla semplicità dell’esecuzione, alla assoluta non invasività che permette di ripetere l’esame tutte le volte che si vuole e alla facile trasportabilità dello strumento. Gli svantaggi oltre al costo dell’apparecchio è il condizionamento del risultato in base alla capacità di rilassamento del paziente.

Radiologia

La radiologia classica normalmente non permette di mostrare direttamente lesioni le lesioni legamentose, a volte può essere utile però a confermare la diagnosi. Si può dedurre una lesione del LCA per esempio da una frattura della spina tibiale perché frequentemente associata alla lesione del LCA nei soggetti giovani.

Oppure possiamo effettuare delle indagini radiografiche sotto stress, utilizzate per quantificare la traslazione anteriore in caso di lesione del LCA. L’esame consiste nel confrontare la traslazione anteriore del piatto tibiale nel ginocchio patologico con il sano durante una contrazione nel sollevare un peso di 7 kg. Nei soggetto sani è stata riportata una traslazione di circa 3,5 mm; mentre nei soggetti con lesione isolata del LCA la traslazione anteriore media è stata di 10,2. Quindi un valore inferiore a 3 mm. sarà indice di integrità del LCA, mentre un valore superiore a 8 mm. sarà indicativo di una lesione del LCA.

RMN e TAC

La diagnosi clinica effettuata da mani esperte raggiunge dei livelli di affidabilità notevoli, ma alcune volte l’utilizzo della diagnosi strumentale ai fini di una conferma si rende necessaria.

Dando la RMN una maggiore precisione ai fini diagnostici rispetto alla TAC ometteremo di parlare di quest’ultima. L’utilizzo della RMN nella diagnosi della rottura del LCA è molto importante anche per la valutazione delle lesioni associate, che possono essere lesioni meniscale, lesioni sottocondrali e lesioni dei punti d’angolo.

La RMN viene anche consigliata per seguire l’evoluzione delle condizioni del LCA nei casi in cui si propenda per il trattamento conservativo.

Artroscopia Diagnostica

Nonostante ci siano tutte le diagnostiche strumentali, a volte risulta difficile raggiungere una diagnosi , spesso per incoerenza tra RMN e test manuali, o semplicemente perchè la lesione risulta ben celata. In tal caso si opta per un’artroscopia finalizzata alla diagnostica, anche se questa, di frequente, diviene un vero e propeio intervento risolutivo teso alla risoluzione della lesione.

 

 

Print Friendly, PDF & Email